Bill Gates ha un flirt con la vedova dell’ex CEO di Oracle

Bill Gates Ha Un Flirt Con La Vedova Dell'ex Ceo Di Oracle
Secondo alcune indiscrezioni, Bill Gates ha un nuovo flirt, il 67enne dirigente Microsoft, che attualmente è la sesta persona più ricca del mondo, sta frequentando Paula Hurd, vedova di Mark Hurd, defunto CEO di Oracle.

I due si frequentano da più di un anno, secondo le voci. “Sono inseparabili”, ha detto al Daily Mail un amico della presunta coppia.

“Stanno insieme da più di un anno e lei è sempre descritta come una ‘donna misteriosa’, ma non è un mistero per la loro cerchia ristretta di amici che abbiano una relazione romantica”.

Mark Hurd, marito di Paula, è morto a 62 anni nell’ottobre del 2019 dopo una battaglia contro il cancro. Ha gestito Hewlett-Packard dal 2005 al 2010, lasciandolo a causa di uno scandalo di molestie sessuali prima di entrare in Oracle un mese dopo.

Paula, 60 anni, è un’organizzatrice di eventi e una filantropa. Nel 2015, i due sono stati fotografati seduti uno a fianco all’altra durante una partita di tennis. Di recente sono stati visti guardare insieme la finale del singolare maschile agli Australian Open di Melbourne, in Australia.

Bill Gates, prima di questo flirt con Paula, è stato sposato con l’ex Melinda Gates per 27 anni. Hanno finalizzato il loro divorzio nell’agosto del 2021. Hanno in comune tre figli: Jennifer, 26, Rory, 23 e Phoebe, 20 anni.

Bill Gates, che ha un patrimonio netto di 106 miliardi di dollari, nel maggio 2022 ha ammesso nello show televisivo “Today” di aver causato la rottura del suo matrimonio con l’ex moglie Melinda, ma ha rifiutato di rivelare “i particolari”.

Durante il suo divorzio, il magnate d’affari americano ha ammesso di aver avuto una relazione con una dipendente Microsoft più di 20 anni prima. Nel 2019 un ingegnere Microsoft ha scritto una lettera in cui affermava che lei e Gates avevano avuto una relazione sessuale nel corso degli anni, ha riferito il Wall Street Journal.
Il rappresentante di Gates non ha risposto alla richiesta di commenti dei media statunitensi.

Torna in alto