Borat è morto, Sacha Baron Cohen abbandona il personaggio

Borat è Morto, Sacha Baron Cohen Abbandona Il Personaggio Per Sempre
Borat è morto! L’attore Sacha Baron Cohen, 49 anni, ha detto ai telespettatori dei Golden Globes 2021 che “Borat – Seguito di film cinema” uscito nelle sale lo scorso anno, il tanto atteso seguito di “Borat: Cultural Learnings of America for Make Benefit Glorious Nation of Kazakhstan” del 2006, è stato il suo ultimo film con l’amato personaggio.

Borat è morto: “L’abito grigio è rinchiuso e non uscirà più”, ha detto Cohen durante una conferenza stampa collaterale alla cerimonia di premiazione dei Golden Globe, che ha avuto tre nomination – e due vittorie – per il sequel di “Borat”.

Il comico britannico ha vinto il premio come miglior attore in un film commedia o musical per il suo maldestro personaggio di un’emittente televisiva kazaka. Il film stesso ha anche vinto un Golden Globe per la migliore categoria di film commedia o musical. La co-protagonista Maria Bakalova, che interpretava la figlia adolescente di Borat, è stata anche nominata come migliore attrice in un musical o in una commedia.

“Questo è stato probabilmente il progetto più pericoloso su cui ho dovuto lavorare”, ha aggiunto Baron Cohen, che in precedenza aveva rivelato di indossare un giubbotto antiproiettile durante le riprese, cosa che è tornata utile dopo che Borat ha scatenato una manifestazione per i diritti del Secondo Emendamento nello stato di Washington, provocando una rivolta, tra i furiosi armati.

“Abbiamo ritenuto che valesse la pena correre dei rischi”, ha spiegato. “Ero solo molto preoccupato per Trump e il Trumpismo e le elezioni, la nostra democrazia era a rischio”.

Sacha Baron Cohen ha recentemente rivelato che le riprese del sequel di “Borat” erano “il progetto più pericoloso” che avesse mai intrapreso. “C’erano situazioni che non rifarei mai più. L’abito grigio è sottochiave e non sarà più utilizzato”, ha detto il regista.

Nonostante le minacce alla sua vita, Baron Cohen, 49 anni, è orgoglioso del suo film sostenendo che si tratta di un’opera vitale di parodia politica. “Se Trump avesse vinto il 3 novembre e non fossi stato in grado di fare questo film, non sarei stato in grado di vivere con me stesso”, ha concluso.