Mauro Bellugi con il Covid ho perso le gambe

Mauro Bellugi Con Il Covid Ho Perso Le Gambe

Il dramma dell’ex calciatore Mauro Bellugi ospite in collegamento al programma Live non è la D’Urso: “Il Covid si è preso le mie gambe”. La conduttrice in lacrime. Ospiti nella puntata di domenica scorsa c’erano in studio la moglie Lory e la figlia dell’ex giocatore dell’Inter, che hanno raccontato il calvario che hanno passato.

L’ex calciatore dell’Inter e della Nazionale Mauro Bellugi ha contratto il Covid che gli ha causato, per delle complicanze, l’amputazione delle gambe. A raccontare la storia in studio da Barbara D’Urso la moglie Lory e la figlia: “Mauro cominciava ad avere male alle gambe, ma non era la prima volta. Non si lamentava mai quindi quando mi ha detto di questo dolore ho pensato fosse qualcosa di serio. Lui non voleva andare in ospedale perché temeva di prendere il Covid, noi avevamo fatto tutti il tampone ed eravamo negativi. Il cardiologo quando l’ha visto si è preoccupato e abbiamo scoperto che era positivo al Covid. Era il 4 novembre. Un altro medico mi ha chiamato per dirmi che era compromessa anche la circolazione periferica alle gambe, a causa di alcune ischemie, e mi disse: non ci sono molte alternative all’amputazione delle gambe. Quando me l’hanno detto volevo morire”.

Nonostante gli enormi sforzi dei medici l’amputazione della gamba destra sopra il ginocchio e la sinistra sotto è stata inevitabile. In collegamento dall’ospedale Bellugi ha mostrato tutta la sua tempra da campione: “Ciao Barbarina, non siamo più quelli di una volta con l’età mi emoziono facilmente”. Bellugi ha raccontato il suo dramma e di come il Covid si sia preso le sue gambe: “Se non c’era Giada e la Lory non avrei firmato – parlando del momento in cui i medici gli hanno fatto firmare l’autorizzazione all’amputazione – Poi l’ho fatto, ma non me la sentivo. La domanda è stata brutta. Non me ne potevano fare un’altra?”.

Barbara D’Urso che è amica di vecchia data della famiglia Bellugi si è commossa e ha cercato di tirargli su il morale, ma è il campione ancora una volta a spiazzare tutti: “Barbarina ti faccio una promessa. Sono 60 giorni che sono qui, è durissima, non posso fare niente”.

Le sue condizioni di salute si erano aggravate nelle ultime settimane fino a richiedere l’intervento operatorio d’urgenza per complicanze sopraggiunte in seguito. “In quei momenti ho pensato che non ero più un ragazzino, ma poi ho detto: perché non andare avanti?”, ha spiegato l’ex difensore dell’Inter. “Ne vengo fuori, verrò di nuovo qui la prima volta che avrò le protesi”, è stata la promessa di Bellugi alla d’Urso. “Non mi è stata fatta l’anestesia totale perché avevo il Covid – ha poi aggiunto – mi hanno riempito di morfina e vedevo elefanti e bisonti che correvano in camera mia, qui sei da solo e non c’è nessuno ed è stato molto brutto”.