Morta Donatella Raffai storica conduttrice di Chi l’ha visto

Donatella Raffai

È scomparsa Donatella Raffai, giornalista e prima conduttrice del programma di Rai3 Chi l’ha visto?  e di Telefono Giallo al fianco di Corrado Augias. A dare il triste annuncio il marito Sergio Maestranzi, ex regista Rai, che aveva sposato dopo una lunga convivenza di oltre 30 anni solo un anno fa. Donatella Raffai, lontana dagli schermi dal 2000, si è spenta a 78 anni dopo una lunga malattia.

“Il nostro è stato un grande e meraviglioso amore, Donatella una donna generosa, riservata, che aveva deciso a un certo punto di allontanarsi dalla tv e di dedicarsi alla vita privata, sono state dette date cose, ma è tutto molto semplice”, ha dichiarato Maestranzi.

Donatella Raffai si era lontanata dalla tv, ma la notizia della sua scomparsa, diffusa oggi 10 febbraio, lascia un grande vuoto nel pubblico che la seguiva nei programmi, soprattutto, Chi l’ha visto?
Grande professionista, garbata, gentile nel suo modo di approcciarsi con i telespettatori, a un certo punto della sua carriera la giornalista originaria di Fabriano (in provincia di Ancona) decise di cambiare, preferendo la riservatezza di una vita lontana dai riflettori.

La Raffai inizia la sua carriera a soli 16 anni nel mondo del cinema. Esordì infatti nel 1960, nel film “Dolci Inganni” del maestro Alberto Lattuada. Coniugata a 20 anni e in seguito divorziata, sposatasi in seconde nozze sul finire degli anni sessanta con il “re dei nightclub” Fabrizio Bogiankino nuovamente divorziata, prima di incontrare il grande amore Silvio Maestranzi che le resterà sempre accanto. Verso la metà degli anni ’60 inizia a lavorare nel settore discografico per la RCA come responsabile delle pubbliche relazioni e anche curatrice d’immagine di alcuni cantanti da Mia Martini a una giovanissima Nada, affiancandola poi nel suo debutto al Festival di Sanremo 1969.
Nel suo curriculum anche il debutto di Claudio Baglioni, nel 1970, al fianco del quale comparve nel video promozionale di “Una favola blu”. L’interesse per il giornalismo si trasforma in passione e dopo i primi passi approda in Rai nel 1971.

Nel 1971 inizia a lavorare alla Rai dove conduce alcune trasmissioni radiofoniche (Voi e io, Radio anch’io, Chiamate Roma 3131), approdando poi in TV alla fine degli anni ottanta. In Rai è autrice e conduttrice di varie trasmissioni di approfondimento giornalistico e di cronaca sulla terza rete allora diretta da Angelo Guglielmi, il periodo d’oro dell’ultima nata delle reti Rai.

La consacrazione arriva nel 1989. A portare in vetta Donatella Raffai è la conduzione del programma “Chi l’ha visto?”, assieme a Paolo Guzzanti (nella prima edizione del 1989) e a Luigi Di Majo (edizioni 1989-1990 e 1990-1991). Per questa nel 1990 la Raffai vince sia il Telegatto che l’Oscar tv come personaggio televisivo femminile dell’anno.